Dipartimento Editoria


Il Dipartimento Editoria comunica le linee guida per un progetto federato di informatizzazione della rete di vendita.

1. Il progetto rappresenta un intervento strutturale che coinvolge l’intera filiera distributiva dei prodotti editoriali con lo scopo di: - difendere il settore editoriale e contrastare la riduzione del numero delle edicole, a fronte dell’andamento negativo determinato dalla riduzione delle vendite e dei ricavi pubblicitari; - valorizzare e rendere più moderna l’intera filiera, consentendo un miglioramento della redditività; - assicurare la tracciabilità delle vendite e delle rese dei quotidiani e dei periodici, secondo quanto previsto dall’art. 4 della legge n. 103 del 2012. 2. Il progetto consentirà: - la lettura in tempo reale dei dati di vendita, anche al fine di migliorare la pianificazione e assegnazione delle forniture e il controllo del venduto; - la disponibilità, da parte delle rivendite, di un sistema gestionale in grado di ottimizzare l’operatività quotidiana e la gestione dei rapporti con i distributori, oltre che con i clienti; - l’erogazione di nuovi servizi a valore aggiunto, sia editoriali sia extra editoriali, e conseguente miglioramento del margine di redditività. 3. Sono garantite le modalità perché la gestione degli strumenti informatici e della rete telematica - con riferimento allo sviluppo della rete, alla gestione dei dati e ai costi di collegamento - sia svolta in maniera condivisa ed unitaria, con la partecipazione di tutti i componenti della filiera distributiva. 4. La rete nazionale informatizzata sarà realizzata dalla società EDI – Edicole Digitali Italiane, costituita con la partecipazione di editori, distributori nazionali e distributori locali. La gestione condivisa e unitaria della gestione degli strumenti informatici e della rete di cui al punto precedente può essere assicurata prevedendo modalità di rappresentanza delle organizzazioni degli edicolanti nel consiglio di amministrazione della società. 5. Il progetto nazionale è configurato interamente via web e garantito nella sua governabilità e realizzazione dalla società EDI. La piattaforma informativa prevede un sistema univoco di tracciatura e comunicazione e la disponibilità da parte di ogni singolo punto vendita di una dotazione comprendente pc o altro device elettronico, lettore di codice a barre e pos. L’applicativo informatico standardizzato a livello nazionale predisposto da EDI garantisce, oltre che la tracciatura in tempo reale dei dati di vendita di quotidiani e periodici, anche il sistema gestionale del singolo punto vendita e la possibilità di erogare servizi editoriali e non editoriali. 6. I sistemi in uso, ove siano compatibili con il raggiungimento degli obiettivi del progetto, sono conservati e riconosciuti, dando luogo ad una rete nazionale “federata”. 7. La funzionalità primaria relativa alla tracciatura e comunicazione dei dati di vendita e delle rese dei prodotti editoriali deve essere messa a disposizione degli edicolanti senza oneri a loro carico, anche perché collegata ad uno specifico interesse pubblico. Altre funzionalità (sistema gestionale, altri servizi) possono essere liberamente scelte dagli edicolanti a fronte di canoni o corrispettivi. 8. Per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori è riconosciuto il credito d’imposta di cui all’art. 4 della legge 16 luglio 2012. La legge di stabilità per il 2016 estenderà il diritto di chiedere il credito d’imposta alle spese sostenute negli esercizi 2016 e 2017.


1 visualizzazione
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White YouTube Icon

E

A

SSOCIAZIONE

F

ILIERA

DITORIALE

uale futuro

enza un progetto?

S

Q

©2020 | A.F.E. | Associazione Filiera Editoriale